Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Manifestazione Pendolari al Campidoglio’

Un bel sole ieri ha illuminato la piazza del Campidoglio, dove si sono dati appuntamento i manifestanti invitati dai Comitati Pendolari della Roma Ostia e della Roma Nord per richiamare l’attenzione della politica, distratta o assente nei confronti del degrado inarrestabile delle ferrovie ex concesse ed incapace di trovare soluzioni percorribili nell’immediato.

La manifestazione arriva dopo i presidi sotto la Regione dell’estate scorsa e i numerosi incontri avuti dai Comitati con i Municipi 9 e 10, con Astral e Cotral, ATAC, con Comune e Regione, con l’Autorità per la Regolazione dei Trasporti (ART), con l’Agenzia per la sicurezza Ferroviaria (ANSFISA) e l’Agenzia per il controllo della qualità dei servizi comunali (ACOS).

La mobilitazione dei pendolari, buona tenuto conto del giorno di lavoro e dell’orario, è riuscita nell’intento di far sentire la propria voce anche all’interno dei palazzi dove si prendono le decisioni, ad oggi sordi alle esigenze dei pendolari.

Molte le adesioni alla manifestazione, che aveva come parola d’ordine: non siamo citadini di serie B, fra cui i sindacati CGIL, ORSA, FAISA, l’ Osservatorio Regionale Trasporti, Legambiente, e poi Comitati di quartiere, associazioni come C.A.L.M.A., UTP, Trasportiamo,partiti politici come Rifondazione Comunista e Sinistra Italiana ed alcuni consiglieri comunali e municipali di opposizione appartenenti a Lista Calenda, FDI, M5S, IV.

Negli interventi le denunce sullo stato di abbandono si sono succedute con continuità, così come l’appoggio all’azione decennale dei Comitati Pendolari.

Buona la testimonianza anche dei media, presenti in buon numero, fra cui spiccavano l’assenza di giornaloni come il Corriere, Repubblica e il Messaggero, forse preoccupati di non disturbare la maggioranza in Regione e Comune, che è il loro riferimento politico.

Quasi tre ore di interventi, discussione e confronto sui temi urgenti posti dai Comitati, fra cui la richiesta di prestare due treni della Metro A alla Roma Lido, approvata dai Municipi 9 e 10 e dall’Assemblea Capitolina, ma respinta dall’assessore alla mobilità del Comune Patané.

E’ evidente che tener conto delle richieste dei cittadini e delle assemblee elettive non è interesse di chi poi deve prendere le decisioni. Strano concetto di democrazia.

La manifestazione non è un punto di arrivo, ma un nuovo inizio, per sturare le orecchie di tutti coloro, istituzionali e no, che non vogliono sentire, ma che ci dicono che manifestare non serve a niente e che dobbiamo avere fiducia!!!

Come ripetiamo da tempo noi continueremo ad esserci anche quando loro non ci saranno più.

Read Full Post »